Sign in to follow this  
bubbolo

Islam - Gli Ayyubidi

Recommended Posts

Dinastia islamica che prese il nome da Ayyūb capo militare curdo che insieme al fratello Shīrkūh, fu al servizio del governatore di Mossul (Siria) Zenghī.

Shīrkūh conquistò Damasco per il figlio di Zenghī, Nūr ed-dīn nel 1154 d.C. (459 eg.), ottenne la signoria di Homs (anticamente Emesa) e venne inviato in Egitto a sostenere la traballante dinastia Fatimide in lotta contro i Crociati.

Nominato vizir morì improvvisamente e gli succedette il nipote Yusuf, figlio di Ayyūb,

Yusuf depose il califfo Fatimide (1171 d.C., 567 eg.) e proclamò l’unione formale dell’Egitto al califfato Abbaside di Baghdad pur non avendone la facoltà essendo Nūr ed-dīn, califfo Zengide di Damasco,  il vero sovrano d’Egitto. Quest’ultimo non gradì e stava per muovergli guerra quando morì ( 1173).

Approfittando dei disordini scoppiati a Damasco dopo la morte del califfo, Yusuf invase Siria e Mesopotamia e prese i titoli di Re e Sultano sempre riconoscendo la sovranità nominale dei califfi di Baghdad.

Il suo nome completo con l’aggiunta del titolo di Sovrano e del laqab , (soprannome onorifico) divenne “ al-Malik al-Nāṣir Ṣalāḥ al-Dīn Yūsuf bin  Ayyūb “( Sovrano Vittorioso, Integrità della Fede, Yusuf figlio di Ayyub) e fu  noto in occidente come “Saladino”.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L’Arabia meridionale,occupata dal fratello Tūrānshāh si aggiunse al suo dominio che fu così il più vasto regno islamico del suo tempo. Nel 1187 ( 583 eg.) occupò anche Gerusalemme e la Palestina impedendo poi alla terza crociata di riconquistarle.

Morì nel 1187 (583 eg.) poco più che cinquantenne. Prima di morire divise il suo regno tra figli ( ne ebbe diciassette) e i fratelli.

al-Afdal, il primogenito, ebbe Siria e Palestina. Il secondo, al-Aziz Uthman, l’Egitto e Az-Zahir Ghazi, il terzo, Aleppo. Al fratello  al-Adil  andarono alcuni castelli in Giordania. All’altro fratello Tūrānshāh lo Yemen.

I dissidi tra i figli non tardarono e alla fine lo zio al-Adil dopo aver tentato di pacificare i turbolenti nipoti finì per eliminarli tutti e divenne il supremo sultano dell’impero.

Il suo nome completo fu: al-Malik al-Adil Sayf al-Din Abu-Bakr ibn Ayyub ( al-Malik =sovrano, Sayf al-Din = spada della Fede, Abu Bakr ,secondo nome, in ricordo del  patrigno di Maometto, e il patronimico = figlio di Ayyub).

Suo figlio al-Kamil è ricordato per aver stipulato un trattato di pace decennale (1229/1239) con Federico II Imperatore e Re di Sicilia.

I sultani che seguirono acquistarono in gran numero schiavi (mamluks) turchi da destinare al servizio militare. L’esercito era infatti considerato incapace di difendere il regno in caso di guerra. Furono i Mamelucchi ad assassinare l’ultimo degli Ayyubidi e a prendere il potere in Egitto dando inizio ad una nuova dinastia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Al-Malik Al-Aziz Uthman bin Salah al-din Yusuf (1171/1233) è stato il secondo Sultano Ayyubide d'Egitto dal 1193 al 1198. E’ ricordato soprattutto per aver cercato, senza riuscirci data la complessità dell’impresa,  di demolire le Piramidi di Gizah. S’accontentò alla fine di danneggiare la piramide di Micerino.
post-263-1392073996,57_thumb.jpgpost-263-1392073997,07_thumb.jpg                    DINARO D’ ORO              Al-Qahira  eg. 589 ( 1193 a.D.)

D/ Nel cerchio esterno : Questo dinaro fu coniato nella città di al-Qahira ( il Cairo) nell’anno dell’egira nove e ottanta e cinquecento. Nel cerchio interno : al-Malik Ghayat al-Aziz . Al centro Uthman bin Yusuf.

R/ Nei due cerchi esterni : formule religiose (sura IX 33) e la benedizione. Al centro il nome di Salah al-din Yusuf primo re Ayyubida.

mm. 21        gr. 4,89    qSPL      Album 794  Balog  184  F. 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this