Sign in to follow this  
carledo49

CAVALLO

Recommended Posts

CAVALLO:  Moneta di rame puro del peso di 2 grammi, coniata nel 1472 sotto Ferdinando I d'Aragona, re di Napoli e di Sicilia, del valore di 1 Denaro o di 1/12 di Soldo.  Sul verso recava il busto del Sovrano con la corona radiata, sul retro un cavallo al passo, da cui appunto il nome dato alla moneta e la legenda EQVITAS  REX  REGNI.  Venne raffigurato un cavallo su ispirazione di una statua in bronzo foggiata dal Donatello e raffigurante l'animale stesso.  Anche la legenda dette adito a numerose discussioni in merito a cosa fosse veramente riferito "equitas" (anche al nome latino dell'animale raffigurato: equus).

Ebbero tale nome anche altre monete sotto Carlo VIII di Francia che riutilizzò, anche se per un breve periodo, vecchi tondelli di Ferdinando I, ribattendole con la sua effigie.

Il Cavallo finì in disuso nel 1498 per l'eccessiva produzione, ampia falsificazione e svalutazione e sostituito, da Federico d'Aragona, con il Sestino o doppio Cavallo.

Nel 1626, sotto la dominazione di Filippo IV di Spagna, il Cavallo venne nuovamente coniato secondo le impronte originarie e ne vennero fatti anche dei multipli da 2, 3, 4, 6 e 9 Cavalli.  Con Ferdinando IV si ebbe anche una pezzatura da 12.  Nel 1804 fu battuta l'ultima moneta da 3 Cavalli.

Nel 1815, dopo la Restaurazione, questa moneta scomparve dai conteggi e fu sostituita dal Tornese che diviene unità di misura, mentre prima era uguale a 6 Cavalli.

By carledo49  05-09-2013

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this