Vai al contenuto

Tutte le attività

This stream auto-updates

  1. Today
  2. Salve, Napoli Federico III D'Aragona 1496-1501 cavallo, con ritratto di stile insolito, secondo esemplare noto, immagini a asta ACM 21
  3. Ieri
  4. Buongiorno, Costantino l, follis coniato a Londinium. L'iconografia più diffusa di Costantino per Londinium è forse quella del SOL INVICTO COMITI. Qui VICTORIAE LAETAE PRINC PERP. Tra il 318 e il 320 le coniazioni bronzee sono dominate dal tipo victoriae laetae, non connesso a eventi specifici. Mm. 18, gr. 2,70. R1.
  5. Quanti giorni abbiamo per parlarne?
  6. 2015? A me sembra che con la fine del vecchio secolo la Numismatica non esista più, in Italia.
  7. Ultima settimana
  8. Dato che io non l'ho vissuta la numismatica di cui parli, ti andrebbe di parlarne? Di spiegare in cosa fosse diversa e perché migliore? Cos'ha la "nuova numismatica" che non ti piace e perché ecc... insomma, sono curioso di conoscere tuo punto di vista
  9. Salve, segnalo https://vl-nummus.bidinside.com/it/auc/16/asta-17/1/
  10. Giuseppe Gugliandolo

    asta In Asta 96

    Anche qua la presenza di monete sicule è abbastanza ridotta ma si distingue un 3 Piccioli del 1776 (Ferdinando III) in conservazione davvero eccellente. Mi stupisce la base d'asta, che con diritti e tasse supera già la quotazione di catalogo della moneta, ma certamente non è una moneta che si vede tutti i giorni in questa conservazione
  11. Salve, segnalo https://asta.inasta.com/it/auc/36/asta-96/1/
  12. Realino Santone

    asta RANIERI 16

    si, alcuni esemplari di interesse
  13. Giuseppe Gugliandolo

    asta RANIERI 16

    Asta interessante, poco materiale per la Sicilia ma tra le monete proposte c'è qualcosina di raro.
  14. La numismatica come era intesa fino ancora al 2015...non esiste più, per chi non se ne fosse accorto. Il green pass non darebbe una mano secondo questi signori...ma. meno male che c'è. Collezionate farfalle e minerali...questo il consiglio, purtroppo.
  15. Salve, segnalo https://numismaticaranieri.us11.list-manage.com/track/click?u=b3cd8481976e3ed0a07df89e2&id=65917e50cc&e=63e6016c56
  16. Salve, segnalo Anno XX n. 119 Settembre/Ottobre Il linguaggio delle immagini: Afrodite (Venere) - Priapo - Eros (Amore/Cupido) e Psiche - Beroe - Ero e Leandro - Il giudizio di Paride - Anchise e la gens Julia. (Giovanni Santelli e Alberto Campana) [3-12] Le navi e il faro nei medaglioni di Commodo VOTIS FELICIBVS. (Antonio Morello) [13-36] Godas, Re di Sardegna e la sua monetazione. (Alberto Trivero Rivera) [37-47] ANASTATICA, inserto di letteratura numismatica. Giuseppe Ruotolo, Scritti scelti di Numismatica. (a cura di Luca Lombardi) Dionysos nella monetazione antica. (Giuseppe Ruotolo)
  17. Piccolo aggiornamento, grazie ad un conoscente è stato possibile appurare che manca anche negli studi del Traina ed è una variante inedita. Visto il nominale abbastanza piccolo ed il fatto che queste monete si trovano spesso in bassa conservazione, ci saranno sicuramente diversi esemplari in giro che non sono stati individuati.
  18. La monetazione siciliana a nome di Vittorio Amedeo è sicuramente tra le più affascinanti del ‘700 siciliano: spesso si tratta di monete rare e prestigiose ed il Regno di Sicilia ha consacrato i Savoia come una vera e propria dinastia monarchica essendo Vittorio Amedeo il primo vero e proprio re della casata. La monetazione in rame merita sicuramente maggiori approfondimenti e tra le tante varianti finora studiate può capitare di riscontrare elementi particolari. La moneta da 3 piccioli è il nominale più piccolo coniato durante il regno di questo sovrano ed è caratterizzata dalla leggenda VICT AME D G SIC (dritto) IER ET CIP REX (rovescio) ovvero Vittorio Amedeo per grazia di Dio re di Sicilia, Gerusalemme e Cipro. Tra le tante varianti che è possibile individuare in questa monetazione spicca sicuramente il 3 piccioli con SIP in luogo di SIC al dritto, dovuta all’errata scrittura dell’abbreviazione SIC indicante il Regno di Sicilia (immagini: Nomisma Asta 11 Online, lotto 3435). La nuova variante individuata risulta sempre un errore di trascrizione al dritto ma, stavolta, in luogo del riferimento al Regno di Sicilia appare la scritta CIP. Ci si ritrova quindi una moneta con leggenda VICT AME DG CIP – IER ET CIP REX dove, facetamente, il richiamo al regno di Cipro diviene ridondante. La nuova variante indicata non risulta censita in nessuno dei testi che ho avuto modo di consultare ma tra gli studiosi del settore alcuni erano già a conoscenza della sua esistenza. Non ho potuto controllare la documentazione prodotta dal Traina sulle monete di Vittorio Amedeo per accertarmi se fosse già stata riportata da lui. Altra moneta classificabile con la stessa variante, sicuramente più nitida al dritto e dov'è possibile apprezzare maggiormente l'errore di conio (immagini: Nomisma Asta 10 Online, lotto 3330).
  19. Earlier
  20. Nummus2020

    Identificazione moneta

    Più probabile che sia una Tessera o una Medaglietta
  21. Ferdinando II fece reimprimere la sua effige monetale su 12 Carlini Repubblicani, su Piastre di Giuseppe Napoleone e sui 12 Carlini di Gioacchino Murat. Le poche Piastre del 1832 che ho potuto visionare, sono Reimpresse sui soli pezzi Repubblicani. Le 1847 e 1848 su i tre tipi monetali, le più rare secondo me sono le Reimpresse sui pezzi di Giuseppe Napoleone.
  22. Questa è la piastra sottotipo
  23. Reimpressa su un 12 Carlini della Repubblica Napolitana. Il più bell' esemplare mai visto. Vans
  24. Salve, Napoli Ferdinando II di Borbone 1830-1859 piastra o 120 grana 1832 reimpressa (R sotto il collo) Gig. 56 AG immagini da asta RANIERI
  25. Personalmente non mi dedico allo studio della monetazione antica da anni, sto parecchio arrugginito però probabilmente la motivazione è semplice: chiunque dovendo comprare una moneta di un certo prestigio, da migliaia di euro, andrebbe a chiedere il parere di esperti, la visionerebbe al meglio, si accerterebbe in tutti i modi di fare un acquisto corretto ed oculato. Sulle monete di scarso valore invece i controlli di case d'asta ed acquirenti sono minori, meno impegnati, passano più facilmente in sordina. Inoltre, a mio parere, il falso da pochi euro ha una vendibilità maggiore perché il neofita punterebbe a quelle monete e non a monete più importanti (ed in una collezione gestita da mani inesperte i falsi possono abbondare e rimanerci per tanto tempo). Inoltre, per citare qualcuno, un paio di passaggi in asta e la moneta diventa buona
  1. Carica di più
×
×
  • Crea Nuovo...