Vai al contenuto

Caio Cesare Germanico

Utente
  • Numero contenuti

    188
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni da Miglior Utente

    5

Caio Cesare Germanico è stato il miglior utente nel giorno 30 Maggio 2014

Caio Cesare Germanico ha scritto i contenuti più apprezzati del forum!

Reputazione Forum

12 Status neutrale

1 Seguace

Su Caio Cesare Germanico

  • Rank
    Utente abituale

Informazioni Utente

  • Sesso
    Maschio / Male

Interessi Numismatici

  • Settore
    Monetazione romana antica / Ancient Roman coinage
  • Settore
    Monetazione del Sud Italia / South Italy Coinage
  • Livello Studio
    Studioso autonomo / self-taught

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Ciao Rick, ho sfogliato un po' il RIC, V A, ma non ho trovato nulla con XI all'esergo. In effetti, le uniche lettere riportate per Roma (e, secondo me, solo Roma possiamo considerare come Zecca perché le altre utilizzano segni diversi) sono Z, H ed N. Credo dunque che si tratti effettivamente di un not in RIC.
  2. Ciao Admin, grazie per i complimenti. La questione delle monete suberate, come saprai, non è del tutto chiusa. Le tesi principali sono due: la prima, vuole che i suberati siano dei falsi, quindi non approvati dall'autorità centrale; la seconda, invece, li considera come emissioni realizzate con coni "originali", non prodotti da falsari, a causa di particolari esigenze economiche e politiche. Personalmente, sarei più vicino alla seconda ipotesi, in quanto molti denari suberati (tra cui penso possiamo inserire anche questo di Rick) presentano un'accurata esecuzione, anche a livello stilisti
  3. Ciao Admin, ho letto con interesse questa discussione e sto cercando di trovare una risposta alla tua (altrettanto interessante e poco comune) domanda. Da una prima ricerca, sembra che gli stessi Gemelli, Romolo e Remo, furono venerati nel mondo romano come Lari. Forse, l'iconografia dei Lari raffigurati come personaggi in numero di due potrebbe derivare da questa considerazione verso il fondatore dell'Urbe e di suo fratello gemello (che erano appunto in due). Attendiamo comunque anche qualche altra idea.
  4. Ciao Rick. Il denario suberato da te presentato in questo topic è il seguente: Autorità: C. Vibius Varus. D/ Testa laureata di Ercole barbuto rivolta a destra. R/ Minerva armata stante a destra, regge con la mano sinistra una Vittoria, mentre con l'altra tiene una lancia. Intorno, C. VIBIVS - VARVS. Riferimenti: Crawford, 494/37; Babelon "Vibia", 23. Luogo ed anno di emissione: Roma, 42 a.C. Rarità: R. Ecco una foto (ex Gemini VIII, lotto 236) dello stesso denario a titolo di esempio: In definitiva, per rispondere anche all'altra domanda, quella riguardante il presunto s
  5. Interessante questa discussione, Rick. Anche io concordo con Arka: all'esergo leggo SIRM e nel RIC sembra mancare. Noto che è più facile trovare dei "not in RIC" tra le tardo-imperiali, rispetto alle emissioni dei primi due secoli dell'Impero, forse perché le redazioni dei primi volumi del RIC, che abbracciano questo periodo, sono più curate ed aggiornate invece degli ultimi volumi, che trattano il basso Impero.
  6. Salve Bubbolo. Avevo compreso che ti riferivi alla scritta DIVA al R/ che si trovava più in basso, ma nei cataloghi che ho consultato e che ho nominato sopra tale differenza non è contemplata, ovvero nel descrivere gli esemplari non c'è alcuna differenza, per loro, se la parola si trova più in basso o più in alto. Secondo me, non risiede in questa caratteristica il requisito che rende estranea questa moneta ai normali cataloghi, quanto piuttosto il fatto che sia noto, con questi tipi, solo l'aureo e non il denario.
  7. Salve a tutti. Mi piace questa discussione perchè le emissioni di Galba sono particolarmente affascinanti, almeno per me che sono appassionato di storia alto-imperiale. Veniamo alle monete. Se ho ben capito, il denario in questione, definito inedito dalla Casa di vendite, è il primo. Dunque, partirei subito con la classificazione: D/ SER. GALBA. IMP. CAESAR. AVG. P. M. TR. P. Busto laureato a destra con globetto. R/ DIVA - AVGVSTA, Livia stante a sinistra con patera e scettro lungo. Zecca spagnola (Tarraco?), 68 d.C. Ho controllato nel RIC I e con queste caratteristiche ho trovato
  8. Ciao Rick. Credo si tratti di Arcadio, come la seguente: Arcadius, AE4, Alexandria. DN ARCADIVS PF AVG, pearl diademed, draped, cuirassed bust right. SALVS REI-PVBLICAE, Victory advancing left, trophy over shoulder, dragging captive. Dot in left field. Mintmark ALEA. RIC IX Alexandria 20c, rated common.
  9. Salve Rick. Credo di sì, è la RIC 408 e quello all'esergo è proprio un delfino: riesco a vedere anche la pinna ventrale nella foto in basso a sinistra.
  10. Grazie, Piakos, per il tuo commento: anche io sto aspettando un altro momento libero per scrivere la seconda parte con il relativo catalogo. Penso manchi poco ormai.
  11. Salve Rick. Grazie per questa preziosa segnalazione. Concordo in toto con quanto hai detto: è una fusione moderna. Anche il taglio della moneta non mente... Secondo me, il numero dei falsi di monete romane comuni è in crescita a causa della popolarità di cui gode questo tipo di monetazione e quindi ne approfittano.
  12. Ciao Antonino, grazie per la domanda. Da quello che emerge dalle narrazioni storiche, apprendiamo che gli assassini di Caio, i quali erano i difensori filo-persiani della fortezza di Artagira, furono sconfitti dalle stesse legioni del nipote di Augusto, che riuscirono, come detto, ad espugnare la fortezza nemica e ad uccidere o catturare buona parte dei rivoltosi. Tutto questo accadde mentre Caio era ancora in cura per la ferita ricevuta. Dunque, non ci fu bisogno di alcuna spedizione, anche perchè la questione armena con la Partia si risolse nelle stesse circostanze.
  13. Grazie mille per l'interessamento, Admin. Ho intenzione di sviluppare la seconda parte di questo topic sulla figura dell'altro fratello, Lucio, in modo da esporre in quella circostanza la restante parte delle monete, sia provinciali che di zecche centrali, che riguardano entrambi. Qualsiasi contributo è ben accetto, anzi non può far altro che piacere.
  14. Stavo pensando: non sappiamo altro di questo Baxter oltre a quello detto finora? Volevo mettere insieme un po' di materiale su di lui.
  15. Catalogo delle principali monete battute a nome del SOLO Caio Cesare. Zecche occidentali. 1. Denario, zecca di Lugdunum. 17 a.C.? D/ AVGVSTVS DIVI F. Testa laureata di Augusto a destra. R/ C. CAES. Caio Cesare al galoppo verso destra; dietro, insegne militari e, in esergo, AVGVS. F. RIC I, 199; BMC 500. (Ex NAC 59; lotto 1843). 2. Denario, zecca incerta. 17 a.C. D/ Testa di giovane nuda, rivolta a destra (Caio Cesare?). Sotto, CA-ES-AR, il tutto in corona di quercia. R/ Candelabro ornato. Ai lati, AVG-VST, il tutto circondato da una sequenza di festoni con patere e bucra
×
×
  • Crea Nuovo...