Vai al contenuto

Euro si Euro no


Recommended Posts

no !

ho sempre detto che l euro per cominciare ad avvicinarsi alla numismatica e` il modo migliore

ma poi quando inizi a pagare cifre assurde per le serie o le commemorative perche` pensi che si possan rivalutare sbagli

 

ho sempre polemizzato su discussioni del tipo "qual e` l euro che si puo` rivalutare di piu`" oppure "qual e` l euro che rappresenta il miglior investimento"

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

no !

ho sempre detto che l euro per cominciare ad avvicinarsi alla numismatica e` il modo migliore

ma poi quando inizi a pagare cifre assurde per le serie o le commemorative perche` pensi che si possan rivalutare sbagli

 

ho sempre polemizzato su discussioni del tipo "qual e` l euro che si puo` rivalutare di piu`" oppure "qual e` l euro che rappresenta il miglior investimento"

Hai perfettamente ragione, purtroppo sono sempre molti che pensano all'eurocollezione come investimento, iniziano a comprare divisionali varie o argenti salvo accorgersi dopo qualche anno che faranno fatica a venderle per il prezzo a cui le hanno pagate, men che meno gli argenti poi.

Vaticano e Monaco hanno sempre mercato a patto che tu prenda al prezzo di emissione o poco più, già meno San Marino negli ultimi anni.

Chi come me segue quella raccolta deve farlo solo per passione ben sapendo a cosa va incontro, per non parlare poi della cura che devi avere per quelle monete che come sai sono fatte con materiali che alla prova dei fatti sono molto soggetti a ossidazione.

 

Mi scuso per aver portato rick OT

 

Un saluto

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

che poi era quello che dicevo !
e poi li avevo tutti contro e mi dicevano

 

cosa ne sai tu di speculazione (senza domandarsi come mai sia a londra......) 

come fai tu a sapere il futuro 

il collezionismo dell euro e` una cosa nuova e ci son molti collezionisti pronti a pagare piu` di quello a cui l ho presa io

 

etc etc etc 

 

senza sapere che cercavano di rubare nella casa di un ladro.........

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ho seguito la discussione con interesse  (ovviamente concordo con @@rick2 sulle patacche degli euri e sulle pseudomonete commemorative) ma mi sono venute due curiosità:

1- cosa vuol dire OT?

2- come mai @@rick2 è a Londra?

<Melius est dare quam accipere>

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ho seguito la discussione con interesse  (ovviamente concordo con @@rick2 sulle patacche degli euri e sulle pseudomonete commemorative) ma mi sono venute due curiosità:

1- cosa vuol dire OT?

2- come mai @@rick2 è a Londra?

Giusto per chiarire, gli euro sono monete, a meno che il "patacche" non sia riferito agli euro-probe, pattern etc., le pseudo monete commemorative sono anche quelle  monete a corso legale a tutti gli effetti.

E' sempre importante tra noi la considerazione per ogni tipo di collezione e verso chi la porta avanti.

 

Senza polemica

  • Mi piace 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Amministratore

Collezionare euro molto spesso è la porta di ingresso per la numismatica. Conosco anche grandi collezionisti che hanno continuato a collezionare e ora hanno bellissimi esemplari di euro commemorativi

  • Mi piace 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondo, anche se un po' in ritardo a @@MEDUSA51 e @@Admin.

Le monete moderne non hanno più un valore rapportato all'intrinseco ma, come tutti sappiamo, hanno un valore fiduciario; io, Stato, stabilisco che questo tondello di metallo vale 5 e tu, cittadino, puoi spendere o ricevere per un valore di 5. Se paghi 5 un oggetto che costa 4 sei  poco accorto mentre se paghi 5 un oggetto che vale 4  sei un acquirente oculato.

Fatta questa, apparentemente banale, premessa, vengo al dunque.

Se lo Stato emette una moneta da 2 € è pacifico che possa spenderla - visto che è moneta corrente  - per pagare due caffè.

Se però lo stesso Stato mi offre una moneta da 2 € che posso utilizzare, se voglio, per i soliti due caffè, ma me la fa pagare 50€ le cose sono due: o quella non è una moneta, perchè se la uso non ci pago un lauto pranzo al ristorante ma solo i soliti due caffè oppure da una parte c'è, di fatto, una truffa. Il fatto che sia legalizzata e l'acquirente sia consenziente non cambia la sostanza. C:-)

Dopodichè ognuno è libero di collezionare quello che vuole, dai tappi di birra alle medaglie.  :)

<Melius est dare quam accipere>

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti.

 

@@rick2, rispettiamo la tua decisione e, quindi, ritengo non sia il caso di approfondire le tematica del tuo ingresso nello staff; per il resto: se cerchi quello che hai sopra specificato qui ti troverai bene come credo tu ti stia trovando. ;)

 

Per quanto riguarda gli euro, Luciano non ha torto tecnicamente e monetariamente. Occorre tuttavia precisare nell'interesse di tutti ed in considerazione delle perplessità manifestate da Medusa51, che gli euro sono collezionabili e ben collezionati e -  come abbiamo detto tante volte - ognuno colleziona con i criteri che preferisce.

Ruzziche...BB...Spl...FdC...Eccezionali, greche del VI sec. a.C. sino alle monete moderne ed attuali.

L'euro è la moneta di oggi.

E' la porta di ingresso della numismatica come detto da Claudio.

Le tirature od emissioni speciali,  hanno un prezzo speciale...e lo hanno sempre avuto anche in passato.

Senza voler prendere le parti di nessuno e serenamente come sempre qui si discute, rispettiamo l'euro.

:)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'euro poi mi piace come idea. Partire da casa, fare 1000 e più chilometri verso ovest o nord, arrivare a Tallin, Berlin o Lisbona e poter mangiare spendendo i soldi che avevo in tasca alla partenza, mi fa ancora impressione... Così come non dovermi fermare a ogni frontiera. E mi ricordo ancora molto bene delle 8 (otto) ore per passare il confine tra l'Austria e la Cecoslovacchia pur essendo l'unica auto presente.

 

Arka

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per continuare a far polemica

ripropongo l argomento che ha portato al mio ban nella sezione dell altro forum  :)

 

 

l euro e` una collezione che per iniziare e` la migliore ! 

e il modo migliore e` quello di trovarle dalla circolazione , pagare premi per monete pseudo rare puo` andar bene ma deve esser poco

io stesso ho iniziato a collezionare le lire che prendevo dalla circolazione

ma una volta che si progredisce e ci si trova davanti ad una scelta il mio consiglio rimane quello di lasciar proprio perdere le varie serie etc 

visto che da un punto di vista finanziario sono un disastro e son emissioni straspeculate con il rischio che il pollo di turno si trovi in mano il cerino acceso

 

molto meglio ampliare gli orizzonti ed esplorare altri campi numismatici , la repubblica e il regno per esempio , o le monete straniere oppure gli stati preunitari (molti scendono il regno di napoli) e in uno stato civile si potrebbe anche includere le monete classiche (collezione che sconsiglio vivamente a chi sta in italia)

  • Mi piace 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Condivido in toto il discorso sulla collezione di euro di @@rick2. Non sono d'accordo sul fatto di lasciar perdere di collezionare le monete classiche in Italia. Bisogna semplicemente conoscere la normativa e adeguarsi. Non è poi così difficile.

 

Arka

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Naturalmente sugli euro condivido l'opinione di @@rick2 ma voglio precisare meglio come la penso.

Non ho nulla contro chi collezione gli euro così come anni fa si collezionavano le lire della Repubblica, nè mi fa scandalo che chi vuole acquistare una moneta a corso legale in FdC la possa (debba) pagare più del su valore nominale visto che è una libera scelta e comunque può collezionarle in stati di conservazione  tipo Spl avendo un po' di accortezza.

Il problema sta in quelle monete che ti vengono offerte solo ed esclusivamente in confezione e che sono chiaramente extra (per non dire fuori) circolazione, tipo i vari 5, 10 €, ecc.

Insomma se l'autorità emittente conia una moneta da X € e la mette in circolazione, chi colleziona euro può liberamente scegliere se metterla in collezione così come la trova nel borsello o in ottimo stato di conservazione o in fior di conio, o fondo specchio o dipinta da Picasso, pagandola, ovviamente da X a un milione.

Le mie pesanti perplessità sorgono quando lo stato  obbliga di fatto il colezionista di € a comperare una moneta che non si trova in circolazione - e quindi non è una moneta - essendo solo un'operazione puramente speculativa, ovviamente a tutto vantaggio di chi vende.

Conclusione: ben vengano i collezionisti di € veri con l'invito a non farsi abbindolare da un mercato fasullo.

 

Invece rispetto, ma non condivido, la scelta di @@rick2 di star fuori dallo staff.

Non la condivido perchè stare nello staff non significa avere "potere" nè rende meno spontanei nelle discussioni (parlo di quelle numismatiche).

Rick ed io abbiamo avuto momenti di discussione anche molto accalorata su certe valutazioni da fare sui testoni di Alessandro de' Medici ma questo non solo non ha impedito di fare  sintesi ma sicuramente ha aiutato a far si che venisse fuori un buon articolo (me lo dico da solo perchè: ogni scarrafone è bello a mamma sua!).

E poi vorrei vedere il tipo capace di mettere il bavaglio a Rick! :D

  • Mi piace 2

<Melius est dare quam accipere>

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non dovrebbe esserci nessuna normativa per il commercio delle monete romane di poco conto come i bronzetti tardo imperiali !
come al solito pero` in italia si fa la legge per regolare un qualsiasi aspetto della vita quotidiana su pressione di pochi interessati poi la si cambia perche` ci si accorge che si puo` aggirare , poi ci si accorge che ci son effetti dannosi non previsti e infine si fa l esenzione perche` ci si accorge che la legge in questione e` stupida e fatta male.

 

il risultato e` un codice incredibile di norme stupide e incomprensibili , spesso in contrasto tra loro che nessuno rispetta

 

a questo si aggiunge l interpretazione delle leggi a volte discutibile di una magistratura spesso non all altezza e i risultati li vediamo 

 

purtroppo neanche le varie precauzioni di acquistare da commercianti seri o con questo fantomatico ed inutile certificato di provenienza (nessuno fino ad oggi mi e` riuscito a spiegare come fa l emittente di questo certificato a certificare che la moneta sia legittima nei termini di legge o in base a che autorita` lo puo` emettere) servono a mettersi al riparo da questo stato

 

riprova e` l ultimo caso di un mio amico che si e` visto arrivare la madama in casa a sequestragli tutto a causa di un acquisto di moneta di possibile coniazione italiana proveniente da asta tedesca e regolarmente acquistata con fattura 

 

 

finche` le cose staranno cosi caro @@Arka conviene collezionare euro ! ma non quelli in confezione speciale ! 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il certificato di provenienza è previsto nell'art. 64 del Codice Urbani e certifica che il collezionista l'ha acquistato da chi ha emesso il certificato. La provenienza è questa. Se poi qualcuno vuole far confusione...  :rolleyes:

E per quanto riguarda la normativa praticamente tutti i paesi europei ne hanno una per gli oggetti di interesse culturale. Ribadisco, se la si segue, non ci sono problemi. Ovviamente può capitare un errore o un'incomprensione in qualche caso, ma non facciamone una regola.

 

Arka

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

NO !!!!!

qui casca l asino !

 

 

il certificato di provenienza e` previsto per i beni culturali definiti dall articolo 10 e 11 !!

dove si definisce bene culturale cose che presentano interesse artistico , storico , archeologico e etnoantropologico 

 

qui ci si deve per forza basare sull interpretazione (e ci ricolleghiamo al discorso di prima su leggi e magistratura)

 

sui vari forum si e` data un interpretazione estremamente restrittiva delle cose numismatiche come oggetti che hanno interesse storico o archeologico, anche perche` c e` un sacco di gente che ci mangia sopra questa interpretazione restrittiva come in primis commercianti che han paura della concorrenza (e non mi riferisco a te @@Arka , ma a quello che di solito interviene dall altra parte) 

 

ma in realta` l interpretazione corretta di bene culturale dovrebbe escludere la maggior parte della monetazione romana perche` decontestualizzata e ripetitiva e quindi priva dei requisiti minimi per esser definita bene culturale !!

 

non solo, l applicazione restrittiva si scontra anche con la realta` dei fatti , ci son centinaia di migliaia di monete romane in vendita in questo momento , a prezzi che vanno dai 50cent in su` , non ha senso avere un regime di circolazione controllata con certificato per queste monete.  

 

i risultati poi li vediamo , sequestri , gente che spende 4-5000 euro di avvocato per difendersi da accuse di ricettazione per monete comprate da ebay (un altro controsenso) , e lo stato  che spende decine di migliaia di euro in polizia e magistratura per andare a recuperare 50 euro di monete da pulire ! 

 

 

 

ti lascio con una domanda 

 

se il commerciante emette per primo il certificato al collezionista 

come fa il commerciante che compra la moneta da un terzo a giustificare la provenienza precedente di quella moneta? 

anche perche` questa storia del certificato e` solo 4 - 5 anni che gira sulla spinta dei forum e della gente che ha interessi a dare quest interpretazione a favor loro e a scapito di tutti gli altri , prima nessuno l ha mai fatto , diciamocelo chiaramente. 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

e poi si oppone sempre questa falsa scusa che il certificato aiuta a combattere i tombaroli che vanno a distruggere i vari siti archeologici di cui l italia e piena

 

quando in realta` il tombarolo medio non va di certo a tirar su monete col metal da rivendere a 1 euro al pezzo su ebay !

non ci paga neanche le spese ! 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 1 month later...

Io considero le 2 euro commemorative come delle foto che ritraggono gli avvenimenti contemporanei o delle importanti ricorrenze storiche. 

Secondo me la monetazione euro è quella che permette di collezionare monete investendo pochissimo denaro...nel senso quando trovo una 2 euro che mi piace la metto da parte, mentre se mi piace qualche moneta coniata solo per i collezionisti ho deciso di pagarla massimo 15/20 euro ma perché la moneta mi piace e non per guadagnarci sopra di qui a 10 anni..

Poi se decido di smettere di collezionarle le monete le posso utilizzare direttamente per fare shopping..per la felicità di @admin  : OOO :

Modificato da saramor
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...