Vai al contenuto

Congresso Internazionale di Numismatica Taormina 21-24 settembre 2015


Recommended Posts

Sta profilandosi un interessantissimo e nutrito programma scientifico.

 

Penso sia un'occasione da non perdere.

 

Posto il link del progr​amma

 

 

http://www.xvcin.unime.it/programme/scientific-programme/

 

 

 

 

 

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un po' tardi per inserirci come Forum...bisognava partire per tempo.

Hai qualche idea Donato?

:)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A proposito...intanto vieni a Napoli?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Stavo giusto pensando di aprire una discussione a tema visto che la data è abbastanza vicina
La notizia che si sarebbe tenuto a Taormina l'avevo letta in un quotidiano locale nel 2010, anno in cui iniziai ad avvicinarmi alla numismatica... mi sembrava così lontano quel Settembre 2015...

Pensavo che la notizia fosse nell'aria da tempo ma a quanto pare non ha avuto la visibilità che mi aspettavo

Non sono sicuro di esserci tutti e 4 i giorni dell'evento ma, se qualcuno del foro decide di partecipare, sarà una buona occasione per incontrarsi  ;)

Providentia optimi principis

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Amministratore

si s a qualcosa sul programma scientifico?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...infatti,  il programma è ancora provvisorio, nel senso che non sono indicate le date e gli orari per le singole conferenze.

 

In maniera informale noi del forum potremmo comunque vederci. Io conto di esserci per i due giorni di lavori, anche se ancora non ho capito come inserirmi da "esterno". Non mi interessa la colazione, il pranzo o la gitarella. Vorrei solo godermi un po' di scienza numismatica.

 

Seguo il sito istituzionale e vi aggiorno.

  • Mi piace 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io sono del posto e nonostante tutto neanche io ho idea di come inserirmi, se hai nuove avvisa :)

Quoto...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Amministratore

non pesavo fosse così complicato partecipare

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Peccato per la numismatica...che quando diventa paludata si perde.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 3 weeks later...

Ahhhhhh!

Taormina...Taormina...

Dovremmo andare, partire...

:)

@@carnesala ...Donatooooo!? Ti è arrivata la mia mail...attendo un cortese ed esimio riscontro. Confido anche nella Colleganza professionale.

;)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 2 weeks later...

Ieri non sono potuto andare ed è stato un peccato perchè all'odg c'erano relazioni interessanti

 

Stamattina ho fatto la spola fra la sessione generale (interessantissima sotto il profilo umanistico e scientifico della nasciata della trattatistica numismatica) e la sessione greca.

 

La Sicilia, ovviamente , la fa da padrone.

 

C. Boehringher moderatore d'eccezione...ed ho detto tutto.

 

Se qualche forumista  Tuttonumismatico è qui a Tarmina, batta un colpo...

  • Mi piace 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Breve resoconto della II^ giornata

 

Le sessioni sono tante ed in tre posti diversi, anche se vicini. In due posti le sale sono plurime. Dal programma già postato si vede e...non avendo il dono dell'ubiquità bisogna scegliere, cercando di assecondare i propri (maggiori) interessi...

 

Si comincia alle 9 e si finisce alle 18,30, con brevi pause ed una più lunghetta per il pranzo.

 

Nel complesso tutto bene.

 

Nello specifico noto la grande preparazione di alcuni relatori, anche se in difficoltà nel contenere le relazioni (in inglese ed italiano per lo più, ma ne ho seguito una in francese) nei tempi previsti.

 

Si notano le appartenenze culturali e di scuola, con piacevoli battibec...volevo dire querelle fra esponenti delle diverse almae matres.

 

Confermo però che il mondo accademico è, nella sostanza un mondo chiuso e, almeno in tutte le discussioni di oggi, non ho sentito parlare dei collezionisti (nemmeno male in verità).

 

L'Università di Messina fa la parte del leone, a volte con un pizzico di ...presunzione...

 

Nel complesso si respira una bella aria.

 

...segue

  • Mi piace 2
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Amministratore

Che foruna essere li...tra le migliori menti numismatiche...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Breve resoconto della II^ giornata

 

Le sessioni sono tante ed in tre posti diversi, anche se vicini. In due posti le sale sono plurime. Dal programma già postato si vede e...non avendo il dono dell'ubiquità bisogna scegliere, cercando di assecondare i propri (maggiori) interessi...

 

Si comincia alle 9 e si finisce alle 18,30, con brevi pause ed una più lunghetta per il pranzo.

 

Nel complesso tutto bene.

 

Nello specifico noto la grande preparazione di alcuni relatori, anche se in difficoltà nel contenere le relazioni (in inglese ed italiano per lo più, ma ne ho seguito una in francese) nei tempi previsti.

 

Si notano le appartenenze culturali e di scuola, con piacevoli battibec...volevo dire querelle fra esponenti delle diverse almae matres.

 

Confermo però che il mondo accademico è, nella sostanza un mondo chiuso e, almeno in tutte le discussioni di oggi, non ho sentito parlare dei collezionisti (nemmeno male in verità).

 

L'Università di Messina fa la parte del leone, a volte con un pizzico di ...presunzione...

 

Nel complesso si respira una bella aria.

 

...segue

Ho partecipato a numerosi congressi (a dire il vero di preistoria o etruscologia, ma la sostanza non credo che cambi) e so che talvolta la discussione può apparire, ed a volte lo è, criptica e paludata.

Tuttavia va tenuto conto che questi incontri hanno  lo scopo di fare il punto sugli studi e sulle ricerche più recenti, studi e ricerche che avvengono quasi esclusivamente in ambito accademico.

Il fatto che non siano intervenuti dei collezionisti è normale e - aggiungerei - ovvio, in quanto in realtà gli uni (i collezionisti) e gli altri (gli studiosi, in prevalenza accademici) vivono la numismatica in due diverse modalità.

Tranne le eccezioni date da collezionisti-studiosi, è proprio il tipo di approccio alla moneta che è diverso.

I primi - e dico questo senza iattanza nè snobismo intellettualoide, io stesso sono un collezionista - sono interessati principalmente al "valore economico" della moneta. Da qui, ad esempio, le discussioni sul BB o sul FdC e sul relativo valore in €.

Gli altri guardano a come  una moneta si forma, al perchè di una coniazione, ai riflessi economici, ecc.

E' un po' la differenza, mi si passi il paragone molto terra terra, tra lo zoologo che studia i suini e il norcino che trasforma i suddetti in deliziosi prosciutti e gustosissima pancetta.

Entrambi hanno una loro dignità e, nel caso del norcino, utilità , ma operano su livelli diversi, difficilmente amalgamabili.

Chiudo con un esempio di due persone "al di sopra di ogni sospetto".

Il prof. Paolucci, ex ministro dei BBCC, attualmente direttore dei Musei Vaticani, grandissimo storico dell'arte, colleziona aurei tardo imperiali, ma non mi risulta che abbia mai scritto nulla in proposito (collezionista).

Il prof. Arslan è uno dei massimi studiosi di monetazione barbara e longobarda, ma non credo (se così non fosse cambio esempio :) ) collezioni tremissi di Childerico (studioso).

Vorrei sentire anche il parere degli amici....

  • Mi piace 2

<Melius est dare quam accipere>

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un ringraziamento all'ottimo Carnesla, Numisamtico colto e Collega legale esimio, che da solo o insieme a pochi altri potrebbe creare un valore aggiunto esponenziale in questo Sito...tale da avvicinarci agli Illustri (ma un po' snob) accademici.

E quindi, nell'auspicare l'impegno anche "leggero" di Carnesala  presso di noi, rispondo all'ottimo e grande Luciano Giannoni.

 

Caro Luciano, scrivo quanto segue con qualche impeto ma in assoluta modestia e buona fede,

ma sai quante cose potrebbero imparare gli studiosi da alcuni appassionati anche Collezionisti...magari qualcosina anche in questo ancora modestissimo Sito?

Buttiamo giù un pur modesto quantum:

- falsi;

- falsificazioni;

- lavori di pasticceria numismatica;

- realtà dei Personaggi che pullulano ed inquinano l'ambiente a tutti i livelli...

- conoscenza dell'ambiente numismatico;

- frodi anche letterarie;

- commercio occulto;

- traffici di ogni tipo...anche intellettuale;

- marciapiedi numismatici;

- speculazioni;

- enfatizzazioni,

- collezioni pubbliche saccheggiate;

- repliche nelle bacheche al posto degli originali ormai perduti....

- depositi di scavo non sufficientemente  tutelati;

- inventari del patrimonio numismatico pubblico incompleti o ancora  da farsi...

- bellissime monete che sono dei probabili non autentici,  come il Tetra di Aitnai (Brussels) pubblicato - da illustrissimi studiosi - con tanto di improbabili paragoni stilistici ed iconografici (con il tetra del maestro di naxos) per corollario.

 

Mi sto annoiando io a scrivere...quindi mi fermo per rispetto dei lettori. 

 

Cerco un finalino (come diceva Federico Fellini):

- c'è una Numismatica reale (scienza e tecnica di difficoltà esponenziale ed esoterica) che frequentemente - per definizione e per paradosso - è ignota all'Ambiente di Studio...Ambiente che probabilmente non ha nemmeno pratica del microscopio eletronico a scansione...e, forse, nemmeno del contafili...e nemmeno dei passaggi delel monete in asta per conoscerne l'effettiva importanza e rarità.

- c'è una numismatica virtuale del web che raccoglie delle quantità varie e variabili solo per accumulare dei click da commercializzare;

- c'è ambiente come questo Sito che, nei soli limiti del nostro possibile impegno, potrebbe ben taggare molte delle caselle sopra enumerate...con probabili brillanti risultati e colte monografie al seguito.

Uno adesso dal fondo della sala dice:

embèh!? E allora impegnatevi...quanti siete ed anche di più.

Infatti ecco il limite effettivo.

E qui debbo mettermi da parte, nello sperare in (un probabile) meglio.

:)

  • Mi piace 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io, personalmente non bado al valore economico delle monete che colleziono. Mi interessa la moneta per quello che ha rappresentato all'epoca della sua circolazione, nonchè il suo aspetto artistico e simbolico.

 

penso, poi, che un contatto fra collezionista e studioso possa solo fare del bene alla numismatica.

 

Proprio ieri il prof. Altieri della Veneranda Biblioteca Ambrosiana , anticipandone l'apertura al pubblico del monetiere, ha sottolineato l'importanza per gli studenti di vedere dal vivo le collezioni, ritenendo riduttivo lo studio essenzialmente bibliografico...

 

E le collezioni sono pubbliche  e purtroppo in Italia difficilmente visitabili (non parliamo di quelle nelle quali i pezzi non ci sono più o sono stati sostituiti) ma anche private. E spesso in piccole collezioni private si trovano pezzi eccezionali.

 

Ricordiamoci poi che la Costituzione parla  di Repubblica che tutela la cultura; e la Repubblica siamo tutti noi, NON le sole istituzioni, ma anche il popolo, i singoli cittadini e le associazioni (in questo caso numismatiche).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dalla discussione generale, in questo momento, noto l'estrema apertura mentale di istituti numismatici esteri (Parigi, Vienna...) verso il collezionismo.

 

E' evidente che - tranne che in Italia - il mondo accademico è contiguo a quello collezionistico privato.

 

Da noi archeologi  e numismatici accademici (pochi fra i primi) sono per lo più convinti che il collezionista sia un razziatore di siti archeologici...

  • Mi piace 2
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Amministratore

Condivido a pieno quello che dici @@carnesala. Conosco molto bene glj ambienti numismatici francesi e spagnoli e apprezzo la loro capacità di dialogo...anche in Austria e Germania vale la stessa cosa. Da quel che mi dico New York è aperissima alla collaborazione con i collezionisti..

In italia- CON LE DOVUTE ECCEZIONI- il mondo accademico è su in altro pianeta. .iniziative come questo Sito spero possano far capire che anche i collezionisti e gli studiosi autonomi possono essere considerati attori nel contesto numismatico. Certo qui si parla di numismatici e collezionisti SERI!

  • Mi piace 2
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nella discussione generale di oggi, ho apprezzato l'intervento della prof.ssa Caccamo Caltabiano che, rispondendo ad un intervento del pubblico non ha potuto fare a meno di notare l'assenza di politici.

 

Un evento del genere avrebbe meritato la presenza continua e costante non dico del Ministro, ma quantomeno di un Sottosegretario e di una nutrita pattuglia di dirigenticheguadagnanocosipoco.

 

La crisi identitaria della nostra Nazione passa per la crisi culturale (nel senso umanistico e nel senso scientifico del termine). La numismatica e l'angolino nel quale risulta a forza relegata è la cartina al tornasole di questa crisi.

 

A fronte di uomini di buona volontà, nell'ambito accademico, dell'insegnamento in generale, dello studio, del collezionismo e del mercato (mi riferisco ai numismatici professionisti) si rileva un'apatia culturale dei nostri amministratori locali (la Sicilia è regione a statuto speciale in subiecta materia) e nazionali e l'applicazione delle leggi, riflette, pur con le migliori intenzioni, questo stato confusionale.

 

Alla fine si penalizza il commerciante, il collezionista e quindi la cultura numismatica in senso ampio.

 

Non un concorso per numismatici, tuonava oggi la prof.ssa Caccamo Caltabiano! Aggiungo, non solo in ambito accademico, ma anche per tutte le Soprintendenze. Con i consequenziali danni che tutti sappiamo.

 

Come sarebbe bello un mondo accademico aperto al collezionista privato ed un mondo amministrativo che collabori ugualmente per lo sviluppo della cultura.

 

Oggi invece le Soprintendenze NON hanno esperti numismatici, tantomeno di mentalità aperta...

 

Tempoi fa sono stato a Vienna, Parigi e Londra. Ho preso appuntamento coi responsabili (addirittura a Parigi personalmente col direttore del Cabinet ) e mi hanno fatto vedere tutto; ho potuto interloquire ed ho mostrato la mia collezione (in foto).

ne sono uscito arricchito e mi hanno ringraziato; a Parigi - su richiesta - ho inviato i file.

 

Qui da noi...si assiste solo al depredamento dei siti ed alla persecuzione non dei ricettatori, ma dei collezionisti...

  • Mi piace 4
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...