Vai al contenuto

Recommended Posts

Molto bello, coinvolgente...c'è tutta la stima e il ricordo di Ganganelli in quelle parole.

Io tra gli anni 1980 e almeno la prima metà degli anni 1990 ero in "formazione"...stavo iniziando a capire che senza la frequentazione dell'ambiente: convegni, aste, eventi...era impossibile crescere veramente...ma ero poco dopo gli anni iniziali e certi Personaggi come Traina non feci in tempo a conoscerli e sopra tutto a frequentarli. Una cosa tuttavia è certa: le cose della numismatica, almeno in Italia, sono cambiate e di molto. Quel benessere diffuso degli anni '80/'90 ...già partito dal decennio precedente del 1970, è andato man mano lentamente disgregandosi. Quell'ambiente non era formato solo da Ricchi, per capirci...ma sopra tutto da benestanti che preferivano un bel sesterzio BB+ /q. spl a 1 milone di lire e mezzo, che uno eccezionale a tre/quattro milioni. Oggi quel sesterzio quasi splendido, sicuramente toccato, vale forse 800 ...1.000 euro, quello eccezionale ancora vale da 10.000 in su. Ecco come sono cambiate le cose...si sono complicate e sono diventate più difficili...e i benestanti sono in estinzione, i figli si stanno vendendo i piccoli o medi patrimoni familiari e molto difficilmente hanno continuato la passione dei genitori...sicuramente avrebbero preferito che i padri avessero comprato una moneta invece di due...ma veramente bella, perchè rispetto a quanto speso allora ci stanno rimettendo: quanti soldi buttati!? 

@Realino Santone @carledo49 volete aggiungere un commento?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Piakos dice:

i figli si stanno vendendo i piccoli o medi patrimoni familiari e molto difficilmente hanno continuato la passione dei genitori...sicuramente avrebbero preferito che i padri avessero comprato una moneta invece di due...ma veramente bella, perchè rispetto a quanto speso allora ci stanno rimettendo: quanti soldi buttati!?

Purtroppo mi trovo anch'io coinvolto in una situazione analoga in quanto devo fare i conti con la ritrosia di mia figlia a continuare la collezione paterna. Per ora me la godo per quanto è possibile, un domani cercherò di alienare quanto faticosamente costruito in tanti anni con più oculatezza rispetto al maldestro tentativo precedente. Il filo conduttore del giovane che della collezione paterna e della numismatica non frega nulla è il profitto: poco, sporco, ma subito. Sicuramente verrebbe malamente svenduta, cadendo nelle grinfie del primo commerciante, o pseudo tale, che capita.

Carlo

  • Mi piace 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
25 minuti fa, carledo49 dice:

Purtroppo mi trovo anch'io coinvolto in una situazione analoga in quanto devo fare i conti con la ritrosia di mia figlia a continuare la collezione paterna. Per ora me la godo per quanto è possibile, un domani cercherò di alienare quanto faticosamente costruito in tanti anni con più oculatezza rispetto al maldestro tentativo precedente. Il filo conduttore del giovane che della collezione paterna e della numismatica non frega nulla è il profitto: poco, sporco, ma subito. Sicuramente verrebbe malamente svenduta, cadendo nelle grinfie del primo commerciante, o pseudo tale, che capita.

Carlo

Poveri noi....😦

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se ne deduce che occorrerebbe pensarci per tempo...anzi sarebbe un atto dovuto. Ci siamo divertiti, adesso basta, 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...