Vai al contenuto

Il primo IMPERATORE, Giulio Cesare o Ottaviano Augusto?


Recommended Posts

Il primo romano ad avere il titolo di "princeps" o di "augusto" fu Ottaviano Augusto che regnò come imperatore dal 16 gennaio 27 a.C. al 19 agosto 14 d.C., Ottaviano era figlio adottivo di Gaio Giulio Cesare e fu triumviro dal 42 a.C., assieme a Marco Antonio e Marco Emilio Lepido.

Ma, probabilmente, il primo vero imperatore di Roma fu Gaio Giulio Cesare. Giulio Cesare non ebbe mai il titolo di "princeps" o di "augusto" ma fu "dictator perpetuus" dal 49 al 44 a.C., cosa mai successa prima (a parte Silla nel periodo 82 - 79 a.C. che fu "dictator" per un periodo ben superiore dei massimi sei mesi così come era sempre accaduto), fu console e soprattutto, ebbe il titolo di "imperator" che nel suo significato moderno, corrisponde al titolo di "cesar" nella storia di Roma, questo almeno fino alla Tetrarchia.
A convalidare l'ipotesi di Giulio Cesare primo Imperatore c'è anche Gaio Svetonio Tranquillo che nella sua opera "Vite dei Cesari" parte proprio da Gaio Giulio Cesare.

cesare.jpg.ee578f1ee4e63256990251e4bd44b19d.jpgottaviano.jpg.f35b6eb59f21947d94b43cedf9f79e89.jpg

Gaio Giulio Cesare                                                                  Ottaviano Augusto

 

Voi che ne dite?  Cesare o Ottaviano?  Chi è stato il vero Primo Imperatore di Roma?

Ave!

Quintus

 

 

  • Mi piace 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Augusto, che sviluppò una complessa costruzione politico/ legislativa a supporto della forma di governo del principato.

Senza Cesare l'impero forse non ci sarebbe stato o, più probabilmente, avrebbe avuto degli sviluppi totalmente diversi da quelli che effettivamente incontrò ma ciò che venne dopo non fu frutto di un suo piano deliberato o, perlomeno, la sua morte prematura non permette di saperlo con certezza.

Cesare rappresentò il passo finale verso un sistema sempre più autoritario e monocratico ma egli si muoveva ancora  nel quadro del vecchio sistema istituzionale repubblicano (la stessa carica di dittatore,seppur da lui stravolta in perpetua, lo era). In ogni caso morì troppo presto per potercomprendere fino in fondo la forma che voleva conferire alla Res  Publica. In ogni caso la forma istituzionale dell'impero, cosí come la conosciamo, è una creazione di Augusto.

 

  • Mi piace 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come scrive Cassio Dione, la carica che innalzò Augusto sopra qualsiasi altra posizione politica della Res Publica fu la Tribunicia Potestas, che lo rivestì allo stesso tempo del diritto di veto e dell'inviolabilità. Questa carica, da lui ideata, non va confusa con quella dei tribuni della plebe, ai quali tuttavia si ispirò per alcune prerogative (si consideri che i tribuni della plebe continuarono ad essere nominati anche durante la prima parte dell'impero seppur con valenza esclusivamente onorifica e spogliati di alcun potere reale).

La Tribunicia Potestas rappresentó un potere supremo perfettamente inquadrato legalmente. Un potere grazie al quale Augusto esutorò di fatto il Senato, sebbene quest'ultimo mantenne un'autorità di forma sufficiente a soddisfare i senatori ormai stanchi delle guerre civili.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono portato a concordare con @Ross14.

Cesare, che era stato, sia di persona che indirettamente vittima di Silla, intervenne per riportare la barra del potere verso i ceti popolari - non a caso era nipote di Mario - in un momento in cui il potere era in mano ad una oligarchia senatoria chiusa e reazionaria di cui Cicerone fu il rappresentante più noto.  E' stato detto giustamente che Cesare è morto troppo presto per capire davvero gli sbocchi che avrebbe potuto avere la sua politica.

Parlando di Cesare mi viene naturale l'accostamento a Napoleone, non tanto e non solo per la genialità sui campi di battaglia, ma principalmente per aver compreso che in una fase storica di involuzione e degenerazione - in Francia il Direttorio con il ritorno delle pulsioni monarchiche e la corruzione dilagante, mentre a Roma proseguiva il rafforzamento della classe latifondista senatoriale a scapito del progressivo impoverimento dei ceti popolari  iniziato con l'uccisione dei Gracchi -  non vi era altro modo che assumere il ruolo di dictator per imporre una svolta radicale riequilibrando i rapporti di forza nella società romana. Va anche aggiunto che la situazione sociale era giunta ad un livello insostenibile. Che la politica di Cesare fosse nella direzione giusta lo dimostrano le reazioni del popolo al momento della sua morte; i sedicenti tirannicidi si salvarono per un soffio al linciaggio e furono comunque destinati alla sconfitta finale.

Si badi bene: che le masse corrano ed osannino il capo di turno finchè è vivo è cosa frequente; assai più rara che si mobilitino per difenderne la memoria e vendicarne la morte.

3743691.thumb.jpg.4c3543454cf8da56cef9d42db7756dce.jpg

 

7472934.thumb.jpg.f6465c1f5c1db3b811d210d0d84b1f64.jpg

  • Grazie 1

<Melius est dare quam accipere>

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Amministratore

La grandezza di Cesare è stata quella di essere osannato come un imperatore ancor prima che l’impero fosse creato.

[C. Iul]IO CAESARI IM[p.], DICTAT(ori)ITERU[m], 
[pont]EFIX MAX[imo], [AUG(uri), c]OS., 
PATRONO MU[nicipi], D(ecurionum) C(onsulto)

In questa dedica a Cesare troviamo il titolo di Imperator...  però in questo caso il titolo ha una valenza diversa da quella comune..

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Denario di Ottaviano

19 - 8  A.C.

argento,

immagini da asta Ira e LarryGoldberg  75

00131.jpg

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per studiare approfonditamente le figure di Cesare e di Augusto mi permetto di suggerire le opere di Luciano Canfora, un vero "genio" e un modello esemplare per la storiografia relativa a questo periodo.

  • Mi piace 2
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Ross14 dice:

Per studiare approfonditamente le figure di Cesare e di Augusto mi permetto di suggerire le opere di Luciano Canfora, un vero "genio" e un modello esemplare per la storiografia relativa a questo periodo.

Le opere di Canfora sono indispensabili anche per comprendere le profonde differenze "strutturali" tra Cesare e Ottaviano.

 

  • Mi piace 1

<Melius est dare quam accipere>

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 17/1/2021 at 23:28, Quintus dice:

Il primo romano ad avere il titolo di "princeps" o di "augusto" fu Ottaviano Augusto che regnò come imperatore dal 16 gennaio 27 a.C. al 19 agosto 14 d.C., Ottaviano era figlio adottivo di Gaio Giulio Cesare e fu triumviro dal 42 a.C., assieme a Marco Antonio e Marco Emilio Lepido.

Ma, probabilmente, il primo vero imperatore di Roma fu Gaio Giulio Cesare. Giulio Cesare non ebbe mai il titolo di "princeps" o di "augusto" ma fu "dictator perpetuus" dal 49 al 44 a.C., cosa mai successa prima (a parte Silla nel periodo 82 - 79 a.C. che fu "dictator" per un periodo ben superiore dei massimi sei mesi così come era sempre accaduto), fu console e soprattutto, ebbe il titolo di "imperator" che nel suo significato moderno, corrisponde al titolo di "cesar" nella storia di Roma, questo almeno fino alla Tetrarchia.
A convalidare l'ipotesi di Giulio Cesare primo Imperatore c'è anche Gaio Svetonio Tranquillo che nella sua opera "Vite dei Cesari" parte proprio da Gaio Giulio Cesare.

cesare.jpg.ee578f1ee4e63256990251e4bd44b19d.jpgottaviano.jpg.f35b6eb59f21947d94b43cedf9f79e89.jpg

Gaio Giulio Cesare                                                                  Ottaviano Augusto

 

Voi che ne dite?  Cesare o Ottaviano?  Chi è stato il vero Primo Imperatore di Roma?

Ave!

Quintus

 

 

Io penso che sia più corretto vedere quella di Cesare come fase di transizione tra repubblica ed impero..  mi pare corretta la classica distinzione tra monete imperatoriali ( Cesare,  marcantonio,  Lepido e compagnia bella )  ed imperiali ( da Augusto in poi).. in una collezione ideale di monete romane imperiali sarebbe bello inserire anche le imperatoriali..

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo si debba distinguere tra le situazioni "di fatto" e quelle "strutturali".

Cesare aveva i poteri che appartenevano ad un dictator dotato di imperium, poteri che erano limitati nel tempo ed attribuiti in casi di estremo pericolo per Roma.

Ovviamente Cesare estese questi poteri in un tempo illimitato ma tutto nel rispetto, non solo formale, dell'organizzazione statuale repubblicana, giustificandoli "giuridicamente" sulla situazione politica fortemente critica di Roma. Del resto poco prima di lui Silla aveva avuto gli stessi poteri di Cesare, oltretutto gestiti in maniera dispotica e violenta, basti pensare alle liste di proscrizione sillane. Silla in età avanzata si ritirò, ritenendo di aver sconfitto la parte "democratica": per quanto riguarda Cesare non possiamo dire se avrebbe o non avrebbe fatto altrettanto visto che fu ucciso.

Indubbiamente l'ampliarsi delle conquiste di Roma aumentava esponenzialmente le difficoltà a gestire problemi sempre più complessi con crescita di tensioni sociali nei confronti delle quali il sistema repubblicano stava da tempo mostrandosi incapace; basti ricordare  le vicende dei fratelli Gracchi e la lotta tra Mario e Silla.

In sintesi: ci troviamo di fronte ad una fase di lenta trasformazione dal governo di una oligarchia aristocratica ad un imperium giustificato da quello che Marx avrebbe definito "lo stato delle cose presenti" pur conservando la struttura repubblicana e poi ad una seconda fase nella quale si rafforza e si consolida il potere personale diminuendo il potere del Senato (Ottaviano) per arrivare a Tiberio che struttura organicamente la fase imperiale.

In conclusione possiamo, credo, sostenere che Cesare dirigeva la res publica - pur forzandole al limite - utilizzando le strutture di comando previste ed esistenti da sempre mentre la vera torsione autoritaria inizia con Ottaviano. 

  • Mi piace 2

<Melius est dare quam accipere>

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...