Vai al contenuto

8264 - Accadde oggi... 10 aprile 1896


Recommended Posts

Maratona, 9 aprile 1815

La maratona era la gara più attesa dei primi Giochi olimpici. Era la rievocazione sportiva di un evento epico: la corsa di Filippide (o Fidippide, secondo le fonti) da Maratona all'Acropoli di Atene per annunciare la vittoria sui Persiani nel 490 a.C.
La maratona olimpica avrebbe seguito un percorso analogo, dal ponte di Maratona allo stadio Panathinaikos di Atene, per un totale di 40 km (la lunghezza ufficiale di 42,195 km per la maratona fu stabilita solo nel 1921).
La gara si svolse il 10 aprile 1896. Spyridōn Louīs aveva solo 23 anni e si presentò alla partenza indossando le scarpe che i suoi compaesani gli avevano regalato. I partecipanti, nemmeno una ventina, erano in prevalenza greci, più un ungherese, un francese, uno statunitense e un australiano. Parecchi atleti, tuttavia, si erano ritirati prima della partenza perché non si erano sentiti in grado di competere.
Alle ore 14 il colonnello Papadiamantopoulos, membro del comitato per la preparazione degli atleti greci, diede il via alla gara. Subito dopo lo sparo i quattro stranieri si misero al comando della corsa. Il loro ritmo era molto sostenuto e i greci facevano fatica a tenere il passo. Alla testa andò prima il francese Albin Lermusiaux, poi l'australiano Edwin Flack.
La cronaca della maratona è spesso condita di aneddoti forse inventati. Si dice, ad esempio, che verso Pikermi parecchi atleti si fossero già ritirati sfiniti, al contrario Spyridōn si era fermato in un punto di ristoro a bere addirittura un bicchiere di vino. Dopo aver chiesto a quanto ammontava il vantaggio degli altri corridori, dichiarò che avrebbe avuto il tempo di riprenderli prima della fine della gara.
Nella realtà dopo i primi 30 km gli atleti di testa cominciarono a pagare effettivamente lo sforzo eccessivo. La gara era nuova e la lunghezza poco sperimentata per cui parecchi fondisti pagarono lo scotto dell'inesperienza, a differenza degli atleti greci che già avevano sperimentato la maratona nelle eliminatorie per la selezione della compagine greca.
Spyridōn Louīs approfittò della situazione di stanchezza degli avversari verso la fine della gara per lanciarsi in una rimonta. Dopo 33 km riuscì a raggiungere l'australiano Flack che si trovava in testa e, quando quest'ultimo fu costretto ad abbandonare, arrivò a prendere il comando. Mancavano appena 5 km al traguardo.
Allo stadio l'atmosfera era tesa perché un ciclista era arrivato con la notizia che ci fosse ancora Flack al comando. Quando giunse un altro messaggero con la notizia che Spyridōn aveva appena preso la testa della gara, la folla se ne rallegrò con grande entusiasmo e, quando Louīs entrò per primo nello stadio olimpico, il pubblico di casa esplose in un boato di gioia. L'entusiasmo era tale che i due principi della casa reale greca, il principe Costantino e il principe Giorgio, entrarono nella pista per accompagnarlo fino al traguardo. Il suo tempo finale fu 2h58'50", con 7 minuti di vantaggio sul secondo.
Arrivò come secondo il più esperto e favorito Charilaos Vasilakos che, paradossalmente, si era attardato a causa della folla che lo fermava per congratularsi e per acclamarlo.
Terzo era Spiridon Belokas che, però, fu squalificato per aver fatto parte della gara trasportato da un carretto.

2015-graikija-louis-spyridon-progines-2-euru-monetos.jpg.1988a105baab7057e353a53f4f2ee8ce.jpg

 

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Quintus changed the title to 8264 - Accadde oggi... 10 aprile 1896
  • Quintus changed the title to 8264 - ACCADDE OGGI 10 APRILE 1896

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...